Via Francigena

Casa Verniano è situato lungo la Via Francigena, l’antica strada dei pellegrini in cammino verso Roma. Percorrete uno dei numerosi itinerari tra la natura della campagna di Siena ed antiche tradizioni.

Casole d’Elsa

Casole d’Elsa è un piccolo borgo che si erge su un colle che domina la parte sud-ovest della Val d’Elsa.
Sorprendente è il contrasto tra il cassero senese dove ancora in facciata spicca la balzana bianconera della Repubblica, un trecentesco fortilizio oggi sede del Municipio, e l’istallazione di arte contemporanea che ne anima il basamento e il piccolo déhor antistante.
Ma l’interesse dei cultori d’arte a Casole si concentra sulla Collegiata. Vi sono accennati resti di un affresco a tema del Giudizio Universale di un pittore di scuola duccesca e vi s’ammira soprattutto il cenotafio di Messer Porrina, trecentesco capolavoro di Marco Romano. La Collegiata è ornata anche da un’opera notevole dei Della Robbia. Nel museo, inoltre, sono visibili importanti reperti archeologici che testimoniano il divenire protostorico della Valle.
Da non dimenticare il Museo Arte Viva e la Galleria del Novecento.

Monteriggioni

Monteriggioni è la porta senese alla Val d’Elsa e così fu concepita dalla Repubblica che la volle a presidio della Francigena. Oggi varcare la porta Romea o Franca è come spingere il pulsante di un ascensore del tempo.
Si esce in una dimensione di Medioevo vivo. Che si manifesta lungo via Maggio, nello slargo di piazza Roma, nella visita al museo virtuale e alla Parrocchiale dell’Assunta , austera nella sua linearità. Oltre la cerchia di mura, dove ancora svetta una casa torre, ci attende una storia altrettanto densa.
Alla ricerca delle origini si va verso Abbadia Isola potentissima abbazia che dette luogo ad un paese murato.

Colle Val d’Elsa

Colle di Val d’Elsa è arroccata, nella sua parte più antica, su una collina e le strette vallette che la contornano di fatto ne tripartiscono il tessuto urbano in “Piano”, “Borgo” e “Castello” oggi semplificati in Colle bassa e Colle alta.
Qui è nata l’industria del vetro sul finire del ‘500, progenitrice del cristallo per il quale Colle è famosa in tutto il mondo.
Colle di Val d’Elsa è anche la città del famoso architetto Arnolfo di Cambio, progettista del Palazzo Vecchio di Firenze. La sua casa natale, una splendida torre sulla via principale del Castello, è oggi visitabile.
Ai visitatori la città offre infinite suggestioni: da quelle d’arte riunite nel Museo civico e di arte sacra, ospitato nel palazzo dei Priori che è già di per sé un’opera d’arte, a quelle della storia che sono custodite nella eccezionale collezione del Museo Ranuccio Bianchi Bandinelli.
Il Museo del Cristallo ospita, invece, prodotti e macchinari legati alla produzione di questo pregiatissimo materiale.

Firenze

La storia e l’itinerario del centro storico di Firenze, capitale del Rinascimento, consigliato dall’Agriturismo Casa Verniano.

“Florentia”, la florida, fu il nome dato dai romani al piccolo insediamento fondato nel I secolo a.C. ai piedi dell’antica Fiesole etrusca.
Florentia assunse presto l’aspetto di una vera e propria città con il suo Fòro (oggi Piazza della Repubblica), le terme (via delle Terme), l’anfiteatro (via Tòrta).
Dal Duecento cominciò la fioritura della città nell’Arte, nella cultura e nei commerci internazionali, che raggiunse il suo apice nel Quattrocento sotto la Signoria di Cosimo e Lorenzo de’ Medici.
Il Granducato sopravvisse, con sorti alterne, fino all’unificazione politica dell’Italia, di cui Firenze fu capitale dal 1865 al 1871.
La città iniziò per l’occasione una profonda ristrutturazione che portò all’abbattimento delle mura e alla cancellazione di alcuni antichi quartieri del centro conferendo a Firenze l’aspetto attuale.
Note in tutto il mondo le sue bellezze come piazza della Signoria con Palazzo Vecchio, Santa Maria Novella, Santa Croce, il Ponte Vecchio, Palazzo Pitti e le meraviglie artistiche custodite nei molti musei della città, prima tra tutti la Galleria.

Siena

Arte, cultura e tradizioni di Siena: le meraviglie della Città del Palio.

Siena è situata a 322 mt. sopra il livello del mare. Città la cui origine è ancora oggi incerta. Molte testimonianze storiche parlano di un antico insediamento etrusco chiamato Sena, posto al confine fra i territori di Volterra, Arezzo e Chiusi, il quale al tempo di Augusto fu conquistato dai Romani e prese il nome di Sena Iulia.
A partire dal X sec. la città di Siena assiste ad un forte sviluppo demografico, economico e politico, determinato dalla sua posizione lungo una grande direttrice viaria, la Via Romea o Francigena.
E’ nei decenni intorno al XIV sec., che Siena dal punto di vista architettonico e artistico raggiunge il suo massimo splendore, è questo il periodo in cui furono costruiti la maggior parte dei monumenti, la costruzione del Campo, del Palazzo Pubblico (che allora si chiamava Palazzo dei Signori, del Duomo, della Torre detta del Mangia). Sono questi gli anni della Maestà di Duccio.
È famosa per le sue 17 contrade e per il Palio che si corre il 2 luglio e il 16 agosto di ogni anno.
Il Santa Maria della Scala, ex ospedale dei pellegrini, è oggi sede di un importante museo.

San Gimignano

San Gimignano è la città delle Belle Torri. La città, cinta interamente da mura medievali, si articola ancora sull’antico impianto con il tracciato della Francigena e con l’antica strada fiorentina. Sulla sommità della collina dove San Gimignano è stata costruita si aprono le due piazze principali, quella della Cisterna che è un triangolo contornato da edifici e […]